Amronlus

Congo, completati i lavori per il nuovo reparto di maternità a Kaseghe

Il 30 gennaio 2019 è stata benedetta la prima pietra che dava il via ai lavori per la costruzione di quello che nel mondo occidentale chiameremmo “reparto di maternità” nel villaggio di Kaseghe, regione Nord Kivu della Repubblica Democratica del Congo. In alcune aree del Congo partorire in strada, senza assistenza sanitaria, è la regola e non l’eccezione. Don Raffaele Mandolesi, dell’ordine dei Chierici Regolari Minori  o Padri Caracciolini, dal 2012 porta avanti, a Kaseghe, una missione di evangelizzazione incentrata sugli aiuti concreti alla popolazione. Grazie a diversi benefattori, l’ordine dei Caracciolini è riuscito a creare scuole, chiese e un nuovo centro sanitario. Mancava però un reparto capace di accogliere e assistere le donne in stato di gravidanza. Don Raffaele ha raccontato questa storia ad Alessandra Romano, presidente di AMR Onlus. “Senza una struttura di accoglienza – raccontava don Raffaele – le donne incinta sono obbligate, nei giorni che precedono il parto, a vagare per Km pur di trovare un luogo in cui dare alla luce i propri figli, e spesso questo accade in strada”. Da quel momento questa storia è diventata la storia di AMR Onlus che ha scelto di finanziare, con l’aiuto di soci, benefattori e donatori abituali, l’intera spesa per la costruzione del centro di accoglienza per le donne in gravidanza. La nuova struttura è stata intitolata al fondatore di AMR Onlus, Padre Vincenzo Maria Romano che nel 2017 diede vita alla Onlus con l’obiettivo principale di aiutare i bambini nei Paesi in via di sviluppo. Lo scorso 2 novembre in diretta Fb (sulla pagina https://www.facebook.com/alfonsoemeriromano) abbiamo assistito alla cerimonia di inaugurazione: una gioia enorme che vogliamo condividere con voi attraverso le foto pubblicate sui social della Onlus.

Un tetto sul futuro

E’ passato un anno da quando AMR ha deciso di intraprendere questa avventura al fianco dei padri Caracciolini nella Repubblica Democratica del Congo. Lo scopo era solo uno: proteggere le donne in stato di gravidanza e far nascere i loro piccoli in un ambiente sicuro, pulito e protetto, con la giusta assistenza. Oggi possiamo gioire perchè i lavori strutturali ormai stanno finendo e il tetto è pronto!

“Di mattina i tetti sono silenziosi e soleggiati e le speranze hanno gli occhi azzurri”.

AMR Onlus per i bambini della comunità aversana

AMR Onlus, da statuto, si occupa dei bambini in stato di disagio economico e sociale nel sud del Mondo. La Onlus, nel 2018, decide però di sostenere anche il territorio che ospita la sede istituzionale della Onlus stessa nonché casa natale del fondatore Padre Vincenzo Maria Romano. Aversa, è una piccola città in provincia di Caserta che è diventata il cuore degli incontri che Padre Vincenzo organizzava per discutere con i suoi amici di fede, religione, teologia e di tutto quello che poteva arricchire l’animo umano. Dopo la scomparsa di Don Enzo, il calore e l’affetto di questo territorio si sono riversati nella sua Onlus, per questo motivo la presidente e i soci tutti hanno deciso di restituire, come possibile, lo stesso affetto, impegnandosi in un progetto che consentisse di sostenere un bambino della comunità della Caritas Diocesana di Aversa, gestita da don Carmine Schiavone.

 Don Carmine, di chi si occupa la Caritas di Aversa: chi ospita e come opera sul territorio?

La Caritas diocesana è l’organismo pastorale che ha il compito di animare le comunità ecclesiali al senso di carità verso le persone e le comunità in situazione di difficoltà e al dovere di tradurlo in interventi concreti con carattere promozionale e ove possibile preventivo. La Caritas cerca di essere attenta al territorio, con i suoi abitanti, le istituzioni, i servizi, le diverse realtà sociali, e si impegna a collaborare in maniera sinergica con quanti si occupano di servire l’uomo, specie se povero. Il nostro centro di accoglienza “Gratis Accepistis” è divenuto negli anni un luogo di sosta, ma soprattutto di ripartenze per persone che vivono particolari fragilità, quali: povertà economica, solitudine, tossicodipendenze, salute mentale, violenze intrafamiliari, uomini e donne con trascorsi di detenzione giudiziale. 


Come e quando ha conosciuto Padre Vincenzo Maria Romano?

Ho conosciuto padre Vincenzo durante i miei anni di formazione in Seminário. Ho avuto modo di frequentarlo anche da sacerdote ed è stato per me sempre uno stimolo ad una crescita umana e intellettuale. La sua umanità e attenzione al prossimo sono state e sono una grande ricchezza per me.


Come sono stati utilizzati i soldi che AMR ha stanziato l’anno scorso per la Caritas?

I soldi devoluti sono stati utilizzati per prevenire la dispersione scolastica e contrastare il fenomeno della povertà educativa, ossia quella particolare deprivazione del diritto di un bambino ad apprendere, formarsi, sviluppare capacità e competenze, coltivare le proprie aspirazioni e talenti. Nello specifico, è stato realizzato un progetto socio-educativo teso alla promozione del benessere di un ragazzino, mediante la sua partecipazione attiva a percorsi ludici, formativi e sportivi.


Possiamo dare un nome al bambino adottato, e in che modo l’aiuto di AMR ha cambiato il suo presente?

Il ragazzino in questione di chiama Emanuele. AMR ha sicuramente sostenuto il percorso di crescita di Emanuele donandogli altresì la rinnovata possibilità di scegliere, di fare una valutazione accurata delle proprie aspirazioni e perché no… anche di sognare!


A cosa serviranno i soldi che quest’anno AMR ha stanziato nuovamente per voi?

Le risorse economiche saranno impegnate nel rafforzamento del già esistente doposcuola pomeridiano, servizio erogato da Caritas per tutti quei bambini che hanno necessità di essere guidati nei loro percorsi educativi, in assenza di strumenti e\o stabili riferimenti all’interno delle loro famiglie d’origine. Il servizio prevede un accompagnamento degli allievi durante l’anno scolastico, al fine di consentire un adeguato percorso di apprendimento e l’acquisizione progressiva di autonomie tali da favorire l’integrazione e il successo a scuola. L’obiettivo del doposcuola diviene quindi non solo quello di favorire l’apprendimento ma anche e soprattutto quello di offrire ai bambini ed ai ragazzi, un momento volto all’interiorizzazione di un’esperienza di studio positiva e diversa, in un ambiente motivante e non giudicante, al fine di favorire il benessere scolastico e la qualità della vita.


AMR, da statuto, può sostenere progetti solo rivolti all’infanzia, come riesce la Caritas di Aversa a sostenere l’infanzia?

Oltre al già citato servizio di doposcuola, vengono promosse attività sportive, canale privilegiato per imparare a stare in gruppo, sostenendo la socializzazione, nonché per prepararli alle sfide della vita. Inoltre, sempre nell’ambito del sostegno all’infanzia, la Caritas Diocesana di Aversa ha valorizzato l’istituto dell’affidamento familiare attraverso un progetto che è nato dall’esigenza di costruire una cultura dell’affido attraverso un lavoro di rete che ha visto e vede tuttora coinvolti sia professionisti operanti nel settore che realtà pubbliche e private presenti sul territorio della Diocesi di Aversa, nonché le famiglie che già fanno esperienza diretta dell’affidamento familiare e/o che intendono conoscere i soggetti e le dinamiche di suddetto istituto. 
A tal proposito divulghiamo, con mirati percorsi formativi ed esperenziali, il valore dell’affido come risposta ai diritti dei bambini attraverso un’azione consapevole e partecipata di co-genitorialità tra le famiglie affidanti e quelle affidatarie.

Kaseghe, Congo: costruiamo un posto sicuro dove far nascere i bambini.

Siamo a Kaseghe, un piccolo villaggio nella Repubblica Democratica del Congo, a 2000 metri sul livello del mare, nella regione del Nord Kivu. Qui, nel 2012, nasce la missione dei Padri Caracciolini che AMR ha avuto la fortuna di conoscere attraverso uno dei loro sacerdoti: Padre Raffaele Mandolesi. A Kaseghe, i padri Caracciolini hanno costruito scuole e chiese e riedificato un centro sanitario di accoglienza per i bisognosi di cure mediche. AMR Onlus, con l’aiuto dei suoi soci e dei suoi benefattori, ha deciso di sostenere il progetto di Padre Raffaele e della sua missione per edificare, all’interno del centro sanitario, un reparto di accoglienza per donne in stato di gravidanza. “Siamo in Africa”, risponde il sacerdote caracciolino alla nostra domanda su come verrà edificata la struttura. Essere in Africa vuol dire non dover pensare da italiani. “A Kaseghe le donne partoriscono anche per strada, da sole” – prosegue Padre Raffaele – “in condizioni igienico-sanitarie che pochi di voi possono immaginare”. AMR Onlus ha perciò deciso di sostenere, versando la prima tranche di 15000 euro, la costruzione di un reparto di maternità, inteso come luogo di accoglienza, provvisto di un personale specializzato capace di aiutare le donne in procinto di partorire a mettere al mondo i propri bambini nelle migliori condizioni di sicurezza e igiene possibili. Il reparto sarà dedicato al fondatore della Onlus Alfonso e Meri Romano – Padre Vincenzo Maria Romano – che ha costituito la nostra Associazione esattamente con lo scopo di diffondere la vita e di farlo attraverso quella dei bambini dei Paesi in via di sviluppo.

AMR e AMKA insieme per i bambini del Congo

Il primo marzo del 2018 la presidente di AMR Onlus, Alessandra Romano, ha firmato una partnership con Amka Onlus (www.amka.org) per sostenere il funzionamento di cinque classi della scuola primaria nell’aria rurale di Mabaya, nella Repubblica Democratica del Congo.

Mabaya è un’area non urbanizzata con 9.000 abitanti dove le carenze infrastrutturali e di capacità economica hanno determinato condizioni di estrema vulnerabilità, in particolare per le comunità e l’infanzia. Il 31% dei bambini residenti nell’area risulta sottopeso e il 12% soffre di malnutrizione acuta. L’accesso all’istruzione da parte dei minori è molto problematico. La povertà, la diffusione di malattie e i pregiudizi culturali sono le cause principali che hanno contribuito a creare questo stato di cose, a cui si aggiungono la carenza di risorse per le strutture, il personale docente e lo sviluppo della didattica. Negli ultimi anni i bambini che frequentano la scuola sono diminuiti. Le ragioni sono di ordine sia socioculturale che economico. Le logiche familiari, i matrimoni e le gravidanze precoci spiegano in parte la dispersione scolastica più evidente tra le ragazze. Come se non bastasse, la perdita di uno o di entrambi i genitori e la povertà rappresentano importanti fattori di esclusione scolastica: i bambini infatti vengono spesso allontanati dalla scuola per essere utilizzati nei lavori domestici o perché le famiglie non possono sostenere le spese per le tasse e i libri scolastici. In questo contesto così problematico AMR ha deciso di sostenere AMKA Onlus che dal 2001 è impegnata in diversi progetti che aiutano i bambini congolesi.

Sono 300 i bambini che AMR ha adottato per un anno: 200 di loro frequentano la scuola primaria e 100 saranno ammessi al programma di pre scolarizzazione che inizierà nei mesi estivi e che avrà un ruolo fondamentale per i bambini che dovranno avvicinarsi alla scuola nel prossimo settembre.

Per quanto concerne il sostegno alla scuola primaria, AMR Onlus finanzierà 5 classi sostenendo le spese di gestione ordinaria, che comprendono: lo stipendio del direttore scolastico, l’acquisto di materiale per le attività scolastiche (libri, quaderni) e la manutenzione delle aule dove i bambini seguiranno le lezioni.

Il motivo che ha spinto Alfonso e Meri Romano Onlus a sostenere questo progetto risiede nei suoi tre punti di forza: bambini, istruzione e popolazione locale. Per AMR è fondamentale investire nell’istruzione dei bambini in modo da dar loro i mezzi per potere e sapere scegliere del loro futuro. Un aspetto non meno importante è che in questi progetti siano protagoniste le popolazioni locali, affinché parta proprio da loro il processo di risanamento del territorio.

Il progetto in Congo è stata finanziato interamente con le donazioni e le nuove associazioni che da settembre 2017 hanno sostenuto Alfonso e Meri Romano Onlus; questo progetto è la prova tangibile dell’importanza che ognuno di voi ha avuto nella vita di quei 300 bambini che hanno diritto a un futuro migliore.

 

Per tutti gli aggiornamenti puoi seguire le pagine Fb di AMKA ONLUS e AMR ONLUS

https://www.facebook.com/amkaitalia/

https://www.facebook.com/alfonsoemeriromano/

5 X 1000 ad AMR Onlus, sostienici!

Il 5 x 1000 è una quota dell’IRPEF (Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche) che lo Stato ci permette di devolvere a: organizzazioni NO-profit, enti per la ricerca scientifica ed universitaria, ricerca sanitaria, politiche sociali perseguite dal Comune di residenza del contribuente ed associazioni sportive dilettantistiche, riconosciute dal CONI, che svolgono una rilevante attività sociale.
Il contribuente dovrà decidere a chi devolvere il 5 x 1000 apponendo nelle apposite caselle il numero del Codice Fiscale dell’associazione: nel caso di AMR Onlus dovrete scrivere 97790470583 e firmare nel riquadro indicato come: “Il sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale e delle associazioni e fondazioni riconosciute che operano nei settori di cui all’art. 10, c. 1, lett a), del D.Lgs. n. 460 del 1997.”
Nel caso in cui, nella dichiarazione dei redditi non venga indicata alcuna associazione beneficiaria del 5 x 1000, questo verrà automaticamente assorbito dallo Stato.
Il 5 x 1000 e l’8 x 1000 sono due cose separate, l’una non impedisce e non interferisce con l’altra.

La tua firma e il nostro codice fiscale nella tua dichiarazione dei redditi è un concreto aiuto ai bambini che AMR Onlus segue nei Paesi in via di sviluppo!